Come Ottenere il Riconoscimento di una Malattia Professionale

Riconoscimento malattia professionale - Un lavoratore con casco infortunato seduto a terra - Studio Legale PMF

Hai mai sentito parlare di malattie professionali? Se la risposta è no, non sei il solo.

Molti lavoratori non sono consapevoli dei rischi a cui sono esposti quotidianamente e soprattutto dei risarcimenti che potrebbero ricavarne.

Ma andiamo con ordine e scopriamo insieme di cosa si tratta.

Cos’è una Malattia Professionale?

Pensa a tutte le ore trascorse sul posto di lavoro. Ora immagina che, giorno dopo giorno, una piccola goccia invisibile stia lentamente riempiendo un bicchiere.

Questa goccia rappresenta l’esposizione continua a determinati rischi sul lavoro. Con il tempo, il bicchiere si riempie e si manifesta una malattia professionale.

Non è un incidente immediato, ma qualcosa che si sviluppa lentamente, spesso senza che ce ne accorgiamo.

L’Infortunio sul Lavoro vs. La Malattia Professionale

Mentre un infortunio sul lavoro è come un tuono improvviso in una giornata soleggiata, una malattia professionale è come una nuvola che si forma lentamente all’orizzonte.

La malattia si sviluppa nel tempo, l’infortunio è immediato e spesso inaspettato.

Il Ruolo dell’INAIL

L’INAIL (Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro) è l’ente preposto in Italia per la gestione delle assicurazioni obbligatorie contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali.

Quando un lavoratore ritiene di aver sviluppato una malattia a causa delle sue attività lavorative, può rivolgersi all’INAIL per ottenere un riconoscimento.

L’istituto effettua una serie di valutazioni, spesso attraverso visite mediche e analisi dettagliate, per determinare se la malattia può essere effettivamente collegata all’ambiente di lavoro.

Il Decreto Ministeriale e il Riconoscimento della Malattia Professionale

Il Decreto Ministeriale del 12 luglio 2000 ha previsto che:

se al lavoratore viene riconosciuta la malattia professionale per una riduzione dell’integrità psico – fisica nella misura tra 6% e 15%, avrà diritto a ricevere il pagamento in un’unica soluzione a titolo di risarcimento.

L’importo varia in base all’età del lavoratore e può andare da 7.000 euro a circa 35.000 euro.

Se la menomazione dell’integrità psico – fisica è superiore al 15%, il lavoratore avrà diritto ad una rendita vitalizia, il cui importo dipenderà dalla percentuale riconosciuta e dall’età.

Le patologie che colpiscono il lavoratore si distinguono in tabellate e non tabellate. Per quelle tabellate, l’INAIL ha predisposto le tabelle con la percentuale corrispondente.

Come si dà avvio alla fase amministrativa?

Si presenta la denuncia di malattia professionale con il certificato medico modello 5 S S bis1:

il lavoratore sarà convocato presso la sede INAIL, territorialmente competente, al fine di sottoporsi a visita medica.

All’esito, si avrà una biforcazione:

  1. L’ente potrà riconoscere la sussistenza delle patologie, ricondotte alla tecnopatia ed il relativo indennizzo o rendita vitalizia;

  2. L’INAIL potrà non riconoscere la malattia professionale e si renderà necessario proporre opposizione.

Con l’opposizione, il lavoratore verrà sottoposto ad una visita medica davanti a una Commissione collegiale.

Se anche questa fase non porta ad alcun riconoscimento, il lavoratore avrà la possibilità di rivolgersi all’autorità giudiziaria.

Il Ruolo del Medico del Lavoro

Riconoscimento malattia professionale - Donna che si tiene il polso dolorante - Studio Legale PMF

Il medico del lavoro gioca un ruolo cruciale in questo processo.

È lui che, in primo luogo, può identificare i sintomi e collegarli a possibili esposizioni sul posto di lavoro. La sua testimonianza e i suoi rapporti sono spesso fondamentali per avviare il processo di riconoscimento.

? Hai dubbi sul tuo caso specifico?
Compila il nostro modulo e richiedi una consulenza gratuita e senza impegno.
Siamo pronti ad aiutarti a chiarire ogni tuo dubbio.
Clicca qui per iniziare!

E se la Mia Malattia non è nelle Tabelle INAIL?

Ti starai chiedendo: “E se la mia malattia non è tabellata?”

Se la tua malattia non è elencata nelle tabelle INAIL, devi dimostrare il nesso causale tra la patologia di sei affetto e il lavoro svolto cioè, devi dimostrare che il tuo problema di salute è insorto a causa delle mansioni espletate: hai bisogno di prove concrete!

Riconoscimento di una Malattia Professionale a Benevento

A Benevento, lo studio legale PMF è specializzato nel riconoscimento delle malattie professionali. Offriamo consulenze personalizzate per aiutarti a navigare il processo di riconoscimento e assicurarti che i tuoi diritti siano pienamente tutelati.

Conclusione

Il percorso per ottenere il riconoscimento di una malattia professionale può sembrare complesso e tortuoso, ma è essenziale per garantire i diritti dei lavoratori.

La chiave è essere informati, preparati e non scoraggiarsi di fronte alle difficoltà.

Se pensi di essere affetto da malattia professionale, è fondamentale agire tempestivamente e cercare supporto legale e medico.

Noi siamo pronti ad aiutarti.

? Pensi di avere diritto ad un risarcimento per malattia professionale?
Compila il modulo e ricevi una consulenza professionale.
Siamo qui per guidarti in ogni passo.
Richiedi una consulenza ora!

FAQ

  1. Come posso sapere se ho diritto a un indennizzo?

Dopo aver ottenuto una diagnosi, puoi avviare il processo di riconoscimento presso l’INAIL. A seconda della gravità e di altri fattori, potresti avere diritto a un indennizzo.

  1. E se l’INAIL dice no?

Puoi presentare un’opposizione, cercare una mediazione o, se necessario, adire le vie legali.

  1. Indennizzo o rendita vitalizia: quale differenza?

L’indennizzo è una somma unica, mentre la rendita vitalizia è un pagamento periodico.

  1. Come sono calcolati gli indennizzi?

Sono basati sulla gravità della malattia, l’età e altri fattori.

  1. E se la mia malattia non è nelle tabelle INAIL?

Devi dimostrare il nesso tra la malattia e il tuo lavoro. Potrebbero essere necessarie prove mediche e testimonianze.

Il Team

Siamo un team di tre avvocati esperti in malattia professionale, vittime del dovere e rendita vitalizia.
Pasquale Penna, Fiorenzo Morella e Angelo Fiore.
Ognuno di noi porta anni di esperienza e competenza nel campo legale, specializzandosi in una serie di servizi, con un focus particolare su malattia professionale, infortunio sul lavoro, invalidità, infortunistica stradale, assistenza alle vittime del dovere, successioni, separazioni e divorzi.

Pasquale Penna - Esperti in Malattia professionale e Rendita Vitalizia- Studio Legale PMF
Avv. Pasquale Penna
Fondatore e specializzato in diritto civile
Fiorenzo Morello - Esperti in Malattia professionale e Rendita Vitalizia- Studio Legale PMF
Avv. Fiorenzo Morella
Specializzato in Diritto del Lavoro
Angelo Fiore - Esperti in Malattia professionale e Rendita Vitalizia- Studio Legale PMF
Avv. Angelo Fiore
Specializzato in Diritto Previdenziale

Sei nel posto giusto!

Se stai cercando un team di avvocati dedicati alla difesa dei lavoratori affetti da malattie professionali e alla protezione dei loro diritti alla rendita vitalizia

Ultime dal Blog

La spondilodiscoartrosi può essere riconosciuta come malattia professionale

La spondilodiscoartrosi

La recente sentenza del Tribunale di Benevento rappresenta un significativo punto di svolta nella tutela delle malattie professionali. Tradizionalmente, le legislazioni in materia di

Rivoluzione nel Diritto delle Malattie Professionali: Le Prove Testimoniali

Rivoluzione nel

Nel complesso universo del diritto del lavoro, la battaglia legale per il riconoscimento delle malattie professionali rappresenta una delle sfide più intricate. Presso il

Il titolo e la cumulabilità dei benefici economici nella separazione dei coniugi

Il titolo

La separazione e il divorzio non sono solo un distacco emotivo, ma comportano anche una revisione complessa delle responsabilità economiche tra i coniugi. Questo